sabato 12 aprile 2008

Il bigne`

Da noi il bigne` si chiama bigne`!

Al solito i francesi inventano delle cose che poi noi copiamo?

Sembra, invece, che siano stati gli italiani a portarlo in Francia; Caterina de Medici, moglie di Enrico II di Francia portò con se dalla Toscana tutte le sue ricette di cucina, fra cui il bigne` o choux, inventato dallo chef Popelini nel 1540, che divenne molto famoso in Francia soprattutto dopo il XVII secolo.
leggi se vuoi
Tornando all`Italia, e per quello che mi riguarda, alle pasticcerie palermitane, il bigne` o choux e` sempre presente in innumerevoli versioni: alla panna, alla crema pasticcera, crema al limone, crema al pistacchio, cioccolata, ricotta.....La versione salata non e` meno assortita: mousse al tonno, al formaggio, al salmone, alle verdure .......



Ingredienti per 40 bigne` circa:

100 gr. acqua

100 gr. burro

100 gr. farina

1 pizzico di sale + 1 pizzico di vaniglia

3 o 4 uova


Procedimento:

In una casseruola portare lentamente a bollore l`acqua, il burro e il sale. Unire tutta la farina e mescolare con un cucchiaio di legno, raccogliendo l`impasto verso il centro della casseruola, fino ad ottenere una palla compatta. Spegnere il fuoco e fare raffreddare. Unire un uovo per volta amalgamandolo bene e unire la vaniglia. L`impasto risultante deve essere come una crema densa che si stacca a fatica dal cucchiaio. Questo segnale ci farà decidere se usare un uovo in più (4) oppure no. Foderare una leccarda con un foglio di carta forno, riempire una sache a` poche con l`impasto e formare tante palline distanziate tra loro. Cuocere nel forno a 200/220 gradi asciando un piccolo spiraglio frapponendo tra il forno e il suo sportello una posata. Il bigne` e` pronto appena diventa dorato. Prima di farcirli farli raffreddare facendo una fessura lateralmente.


Per il ripieno alla ricotta:

Per ogni chilo di ricotta sono consigliabili 100 gr. di zucchero; amalgamare bene anche servendosi di un robot ad cucina e unire, se piace qualche cucchiaio di di gocce di cioccolato. Riempire i bigne` e spolverarli di vaniglia. Accompagnarli con un buon passito di Pantelleria.



6 commenti:

whitewillow ha detto...

Un passaggio veloce per augurarti buona domenica...torno a miei lavori in questa giornata grigia.

Twinky ha detto...

da un'insegnante amante della cucina ad un'altra insegnante altrettanto appassionata (da quanto ho potuto vedere dal tuo blog) ti faccio i miei complimenti per il bellissimo blog e ti linko sul mio!
http://cioccolatoalpeperoncino.blogspot.com/

Giovanna ha detto...

qui da noi si chiamano bocconcini :) e io ne vado matta!! ma non di tutti, no-no... solo di quelli alla ricotta!! però la quantità di zucchero (100 g per un kg di ricotta ) mi sembra pochina, io ne metterei almeno 3 etti per un kg di ricotta .. lo so, lo so sono iper calorica ;

Barbara ha detto...

Ciao mi fa piacere vedere che qualcuno scrive della nostra storia cuinaria, purtroppo i francesi si sono appropriati di tantissime ricette italiane, negli stati uniti hanno aperto istituti di culinaria in cui a momenti dicono di aver invetato il pesto!!
Ciao Barbara

Maria Antonietta e Francesca Gaeta ha detto...

Sembrano delle nuvolette. Penso che ti siano riusciti alla perfezione. Ciao da Anto

Anonimo ha detto...

Aggiungi alla pasta choux quantità uguali di acqua e latte, così l'impasto viene più raffinato. ;P
Anny